Il logo dell’Associazione


adas3Il logo è, per un’Associazione, la summa di tutti gli intenti, di tutte le azioni e di tutti i messaggi che l’Associazione stessa vuole comunicare all’esterno. È un qualcosa che deve essere immediatamente riconoscibile e deve portare subito alla mente l’associazione che rappresenta.

Il nuovo logho dell’ADAS nasce nel 1998, in occasione del congresso nazionale FIDAS tenutosi in quell’anno ad Agrigento, ed è una tappa importante nel processo di crescita e di presa di coscienza delle proprie potenzialità cominciato nel 1982, anno di nascita dell’Associazione come sezione staccata dell’ADAS di Caltanissetta. Fino al 1998, infatti, è stato utilizzato il logo di quest’ultima ed il nuovo simbolo è un modo per sancire una propria identità ed una raggiunta maturità come associazione.
Il nuovo simbolo non nasce comunque come un elemento di rottura con il passato, bensì nel segno della continuità con quanto l’Associazione ha fatto ed è stata. Mantiene infatti i vecchi colori sociali (il rosso, il verde e il giallo) e riporta, nell’angolo in basso a destra, il vecchio logo. Sono presenti però anche degli elementi nuovi, primo fra tutti la goccia di sangue, che vuole ricordare qual’è lo scopo fondamentale dell’ADAS: la raccolta di sangue. Ad essa è associato il sole, simbolo di calore e di vità, perché donare il sangue significa donare un po’ di vita a chi ne ha bisogno ed è capace, come dice il motto associato al logo, di scaldare più di un raggio di sole. All’interno della goccia di sangue c’è il tempio di Castore e Polluce, simbolo della nostra amata Agrigento, ed in alto a destra il logo della FIDAS, la federazione di cui l’ADAS fa parte.

Il motto:

“Un atto d’amore scalda più di un raggio di sole”

Va sottolineato che il logo è stato scelto tra quelli realizzati dai donatori dell’ADAS, a dimostrazione di come i donatori si adoperano non solo donando il sangue, ma anche impegnandosi attivamente per la crescita dell’Associazione e per diffondere sempre di più la cultura della donazione di sangue nella nostra provincia.

Share